Riabilitazione neuropsicologica

Da una diagnosi corretta deriva l’indicazione per una strategia riabilitativa specifica. I cambiamenti conseguenti a un evento cerebrolesivo (stroke, traumi cranio-encefalici, anossie, neoplasie,…) possono alterare diversi aspetti, come il pensiero, la memoria, la capacità di giudizio, il funzionamento emotivo e il comportamento. I programmi di riabilitazione cognitiva mirano al miglioramento della qualità della vita della persona e al raggiungimento del massimo grado d’indipendenza della persona, cercando, congiuntamente all’interessato, delle soluzioni strategiche  per le criticità che si possono incontrare nella vita di tutti i giorni.

 

Bisogna riconoscere la possibilità di recupero della funzione cognitiva compromessa dall’opportunità di attuare un intervento di mantenimento delle funzioni cognitive preservate dall’impatto della lesione.

 

Miglioramenti funzionali possono avvenire anche dopo mesi o anni dopo un episodio cerebrolesivo.

Nel caso di malattie degenerative la stimolazione cognitiva ha l’obiettivo di mantenere l’autonomia personale il più a lungo possibile e di alleviare il carico gestionale della famiglia.

 

Oltre ai servizi clinici sopra descritti, il Servizio di Neuropsicologia Eclipsin partecipa attivamente ad attività di ricerca scientifica con l’Università di Messina, con l’obiettivo di un costante aggiornamento dei metodi clinici utilizzati e di una sempre maggiore comprensione del funzionamento cognitivo.